Faq

NORMATIVA CONCILIAZIONE NELLE CAMERE DI COMMERCIO

 

Legge 29 dicembre 1993, n. 580 Riordinamento delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura – Estratto.

Legge 14 novembre 1995, n. 481 Norme per la concorrenza e la regolazione dei servizi di pubblica utilità. Istituzione delle Autorità di regolazione dei servizi di pubblica utilità – Estratto.

Legge 18 giugno 1998, n. 192 Disciplina della subfornitura nelle attività produttive – Estratto.

Legge 29 marzo 2001, n. 135 Riforma della legislazione nazionale del turismo.

Legge 6 maggio 2004, n. 129 Norme per la disciplina dell’affiliazione commerciale.

Decreto Legislativo 6 settembre 2005, n. 206 Codice del consumo, a norma dell’articolo 7 della legge 29 luglio 2003, n. 229 – Estratto.

Legge 18 giugno 2009, n. 69 Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile.

D.lgs. n. 28/2010 così come modificato dal D.L. n.69/2013 (Decreto del Fare)

Decreto Ministeriale 18 ottobre 2010 n. 180 Regolamento recante la determinazione dei criteri e delle modalità di iscrizione e tenuta del registro degli organismi di mediazione e dell’elenco dei formatori per la mediazione, nonchè l’approvazione delle indennità spettanti agli organismi, ai sensi dell’articolo 16 del decreto legislativo 4 marzo 2010, n. 28. Aggiornato con le modifiche del D.M. 6 luglio 2011 n.145.

Circolare ministeriale 27 novembre 2013

Riforma societaria

Decreto Legislativo 17 gennaio 2003 n. 5 Definizione dei procedimenti in materia di diritto societario e di intermediazione finanziaria, nonché in materia bancaria e creditizia, in attuazione dell’articolo 12 della legge 3 ottobre 2001, n. 366.
Come modificato dal Dlgs 28/2010.

Decreto Legislativo 6 febbraio 2004, n. 37 Modifiche ed integrazioni ai decreti legislativi numeri 5 e 6 del 17 gennaio 2003, recanti la riforma del diritto societario, nonché al testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia, di cui al decreto legislativo n. 385 del 1° settembre 1993, e al testo unico dell’intermediazione finanziaria di cui al decreto legislativo n. 58 del 24 febbraio 1998.

Decreto 23 luglio 2004, n. 222 Regolamento recante la determinazione dei criteri e delle modalità di iscrizione nonchè di tenuta del registro degli organismi di conciliazione di cui all’art. 38 del D.lgs. n. 5/2003.

Decreto 23 luglio 2004, n. 223 Regolamento recante approvazione delle indennità spettanti agli organismi di conciliazione a norma dell’art. 39 del D.lgs. n. 5/2003 M 223.

 Altra normativa

Legge 31 luglio 1997, n. 249 Istituzione dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni e norme sui sistemi delle telecomunicazioni e radiotelevisivi – Estratto.

Legge 18 novembre 1998, n. 415 -Modifiche alla legge 11 febbraio 1994, n. 109, e ulteriori disposizioni in materia di lavori pubblici e Legge 1 agosto 2002, n. 166 – Disposizioni in materia di infrastrutture e trasporti – Estratti.

Decreto Legislativo 30 marzo 2001, n. 165 Norme generali sull’ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche.

Delibera n. 182/02/CONS – 18 luglio 2002 Adozione del regolamento concernente la risoluzione delle controversie insorte nei rapporti tra organismi di telecomunicazioni ed utenti.

Legge 28 dicembre 2005, n. 262 Disposizioni per la tutela del mercato finanziario e la disciplina per i mercati finanziari – Estratto.

Normativa Comunitaria

Raccomandazione della Commissione, 30 marzo 1998, 1998/257/CE Riguardante i principi applicabili agli organi responsabili per la risoluzione extragiudiziale delle controversie in materia di consumo.

Raccomandazione del Comitato dei Ministri 18/09/2002 Sulla mediazione nelle controversie civili

Risoluzione del Consiglio, 25 maggio 2000 Relativa ad una rete comunitaria di organi nazionali per la risoluzione extragiudiziale delle controversie in materia di consumo.

Raccomandazione della Commissione, 4 aprile 2001, 2001/310/CE Sui principi applicabili agli organi extragiudiziali che partecipano alla risoluzione consensuale delle controversie in materie di consumo.

Libro Verde della Commissione, 19/04/2002, COM (2002) 196 Relativo ai modi alternativi di risoluzione delle controversie in materia civile e commerciale.

Summary of responses to the Green Paper on alternative dispute resolution in civil and commercial law, 31 gennaio 2003.

Direttiva 52/2008 del Parlamento Europeo e della Commissione relativa a determinati aspetti della mediazione in materia civile e commerciale. Proposta di direttiva del Parlamento e del Consiglio, 22/10/2004 , COM(2004) 718, 2004/0251(COD). Osservazioni Unioncamere sulla proposta di direttiva.

Quali sono le fasi di una mediazione?

Presentazioni, breve illustrazione delle finalità e dei comportamenti che dovranno essere rispettati, oltre all’impegno da parte di tutti alla riservatezza.

Fase 2: Incontro tra le parti ed il mediatore

Esposizione dei fatti: ciascuna delle parti illustra il proprio punto di vista, evitando di l’interrompere l’esposizione della controparte.

Fase 3: Ricerca della soluzione

Il mediatore ascolta le parti prima congiuntamente e poi separatamente, prospettando soluzioni creative e modellate sulle specifiche esigenze. (more…)

È vero che la Mediazione allunga i tempi?

Chi afferma, che il ricorso alla mediazione nelle controversie bancarie e creditizie allunga i tempi e fa aumentare i costi, ha tenuto conto delle possibilità operative previste dal D.Lgs. 179/2007 o dall’art. 128-bis del T.U.B., nonché delle negoziazioni volontarie e paritetiche ? Ed ha effettuato preventivamente quella che, nella teoria e pratica della mediazione, si chiama corretta “mappa del conflitto” ?

Normativa

Chi siamo

La Camera Arbitrale e della Mediazione è un organismo della Camera di Commercio di Bari istituito per l’ amministrazione dei servizi di arbitrato (nelle controversie di natura nazionale ed internazionale), conciliazione-mediazione  e con lo scopo di favorire l’ esercizio delle altre attribuzioni di Regolazione del Mercato riconosciute dalla legislazione vigente agli Enti camerali  (predisposizione e promozione di contratti-tipo tra imprese, loro associazioni e associazioni di tutela degli interessi dei consumatori e degli utenti; promozione di forme di controllo sulla presenza di clausole inique inserite nei contratti; costituzione di parte civile nei giudizi relativi ai delitti contro l’economia pubblica, l’industria e il commercio e promozione dell’azione per la repressione della concorrenza sleale ai sensi dell’art. 2601 C.C.) e dalla normativa vigente – con particolare riferimento alla verifica della regolarità delle condizioni contrattuali ed alla redazione di contratti-tipo.

Il nuovo ruolo assegnato alle Camere, di Enti “Regolatori del Mercato”, garanti del suo corretto funzionamento a tutela degli interessi delle imprese e dei consumatori, mira a favorire il ricorso a forme di giustizia alternativa attraverso la previsione di strumenti semplici, rapidi e poco costosi in grado di ridurre i casi di accesso alla giurisdizione ordinaria ed i tempi connessi a tale scelta processuale. Tali strumenti sono:

  • l’ arbitrato
  • la conciliazione e la mediazione
  • la perizia contrattuale

 

Dal 18 aprile 2012 la Camera Arbitrale e della Mediazione è accreditata presso il Ministero della Giustizia e iscritta al n.566 del Registro degli Organismi di Mediazione.

La Camera Arbitrale e della Mediazione svolge le proprie funzioni attraverso il Consiglio arbitrale e la Segreteria. Leggi tutto

News

La Conciliazione a Bari viaggia sul bus

lunedì, 23 dicembre 2013

BARI_ADESIVE_AMTAB_Pagina_11.jpg

La nuova campagna di comunicazione per diffondere il ricorso alla mediazione civile, obbligatoria in alcune materie

Il fine giustifica i mezzi. E tutti i mezzi son buoni. Se si tratta di diffondere il ricorso alla Conciliazione.
Da qualche giorno e per i prossimi due mesi sei autobus dell’Amtab, la società barese di trasporto urbano, portano in giro per la città la campagna di comunicazione dedicata alla  Mediazione Civile nelle controversie fra imprese e imprese e consumatori.
E’ una iniziativa della Camera Arbitrale delle Medizione della Camera di Commercio di Bari. Leggi tutto

Il regista Pippo Mezzapesa firma lo spot sulla Mediazione

BARI – “Tra i due litiganti il terzo media. Mediazione soluzione più vantaggiosa per entrambe le parti”. E’ il messaggio che lancia lo spot televisivo girato dal regista Pippo Mezzapesa e promosso dalla Camera di Commercio di Bari, che ha scelto un ring, due giovani pugili, Giuseppe Claudio Squeo (di Molfetta, 1991), vice campione italiano medio massimo 81 kg, e Saverio Gena (di Capurso, 1991) campione nazionale universitario 75 kg, come avversari, e l’attore Renato Curci nei panni dell’arbitro, per diffondere il ricorso alla giustizia alternativa.

Leggi tutto

Blog

I tempi della mediazione e della giustizia

Ad oggi, 31 ottobre 2012, la situazione della mediazione in Italia è più o meno la seguente:

  •   la Corte Costituzionale ha fatto sapere che il d.lgs.28/2010 è incostituzionale (per eccesso di delega) nella parte in cui prevede l’obbligatorietà della mediazione;
  • purtroppo quello che fino ad ora si è visto è solo un comunicato stampa;
  • la sentenza non è ancora uscita e quindi, in realtà, al momento non cambia assolutamente nulla (chissà, forse un giorno il tweet sarà fonte di legge?);
  • questa situazione genera una moderata confusione tra addetti ai lavori (avvocati, mediatori, rappresentanti degli organismi, magistrati, ecc);
  • tutti si aspettano inoltre un qualche passo del Ministero della Giustizia, magari per sanare il vizio di forma contestato (così pare, ma poi bisogna vedere) oppure per trovare forme di incentivo.

Ironia della sorte, par di capire che la mediazione sia caduta vittima dei tempi della giustizia, che era in un certo modo chiamata ad abbreviare.
Intanto l’ipotesi degli incentivi raccoglie diversi consensi, ma per ora nessuno si è ancora espresso concretamente su quali ipotesi concrete sia possibile raccogliere. E così fioriscono le iniziative, tra Forum e lettere aperte al Ministero (segnaliamo in particolare quella pubblicata su MondoADR);
Fortunatamente ci sono anche occasioni come l’evento sull’Italy China Business Mediation Center, dove si può tornare a parlare della mediazione in termini di opportunità e vantaggi. In questo momento, una boccata d’ossigeno…